Armani Beauty

Quantificare le performance ambientali del lancio della fragranza Giorgio Armani MY WAY.

Armani Beauty ha lavorato con Quantis per sviluppare una metodologia e uno strumento per misurare e comprendere gli impatti del lancio del suo profumo MY WAY.

"Credo che le questioni ambientali dovrebbero essere vicine al cuore di tutti, ora più che mai. Non c'è modo di ignorare il fatto che il futuro delle giovani generazioni dipende dalle nostre scelte"

Giorgio Armani,
Armani Beauty

1+ Sfida

Dal 2013 Armani Beauty ha implementato un piano di sostenibilità per ridurre il proprio impatto ambientale, mirando alla formulazione del prodotto, al packaging e al retail design. A partire da queste scelte, il marchio voleva sviluppare un profumo a impatto zero in linea con la strategia climatica del Gruppo L’Oréal (il licenziatario). MY WAY è il risultato dell’impegno per la sostenibilità di Armani Beauty e dell’esperienza del Gruppo L’Oréal nell’innovazione di prodotto con l’obiettivo della sostenibilità.

Per garantire che il lancio del profumo fosse allineato con l’obiettivo carbon neutral del marchio, Armani Beauty ha collaborato con Quantis per valutare e monitorare le emissioni di gas a effetto serra, gli impatti ambientali e il contributo al cambiamento climatico del lancio di MY WAY.

2+ Approfondimenti

Il prodotto è il culmine dell’attività di ogni marchio cosmetico o per la cura della persona e ne incarna i valori offerti ai consumatori. Per creare prodotti di alta qualità con solide performance ambientali, la sostenibilità deve essere incorporata in ogni fase del ciclo di vita del prodotto e in tutte le attività correlate.

3+ Azioni

Quantis ha collaborato con Armani Beauty per sviluppare una metodologia e uno strumento per misurare la carbon footprint di tutte le attività di vendita e marketing durante il ciclo di vita del prodotto MY WAY, come imballaggio, ingredienti, produzione, trasporto, nonché campagne pubblicitarie, materiali POS, confezioni regalo, formazione per consulenti di bellezza e anche impatti post-vendita, ovvero quando il prodotto è nelle mani del consumatore.

L’analisi è stata effettuata anche utilizzando il Sustainable Product Optimization Tool (SPOT) co-sviluppato da Quantis e L’Oréal nel 2013 per misurare l’impatto ambientale dei prodotti. Basato su 14 criteri chiave di sostenibilità, questo strumento copre l’intero ciclo di vita di un prodotto, dall’acquisto di materie prime all’uso da parte del consumatore e al fine- vita.

4+ Impatto

Sfruttando la metodologia e gli strumenti sviluppati con Quantis, Armani Beauty è stata in grado di valutare la carbon footprint residua di MY WAY e identificare le principali aree in cui è possibile apportare miglioramenti in termini di riduzione dell’impatto ambientale.

Armani Beauty ha lanciato diversi programmi di conservazione delle foreste nel 2020 per compensare le 7.000 tonnellate di emissioni di carbonio residue generate da MY WAY nel suo primo anno e si è impegnata a continuare questi programmi in futuro.

5+ Prossimi Passi

Oltre all’introduzione di MY WAY nel 2020, Armani Beauty si impegna a due ulteriori ambiziosi obiettivi: ridurre ulteriormente le proprie emissioni di carbonio di un ulteriore 25% entro il 2025, arrivando alla completa carbon neutrality, quindi di tutti i suoi prodotti, entro il 2025. Queste azioni sono in linea con l’accordo di Parigi del 2016 per limitare il riscaldamento globale e l’obiettivo dell’UE di raggiungere l’obiettivo di neutralità entro il 2050.

Ti interessa approfondire progetti di questo tipo? Parlane con…

Elsa Maurice
Senior Sustainability Consultant
Quantis

Case Study più recenti